Giordania e Gerusalemme

Giordania e Gerusalemme

ciao Carla,

vorremmo tantissimo visitare Petra e Gerusalemme. E’ possibile farlo in un solo viaggio? Quale itinerario ci consigli?

Grazie,

Maria

 

Ciao Maria,

non solo è possibile, ma è proprio il viaggio ideale, perché queste due mete sono il sogno di tante persone. Petra, l’antica capitale dei Nabatei nascosta fra le montagne, è rimasta ignota per secoli fino a quando Johann Ludwig Burckhardt la restituì al mondo. Succedeva 200 anni fa e da allora questo sito ha ritrovato anche nel mondo moderno la fama che godeva quando era un vitale centro carovaniero da cui transitavano le merci dirette verso il Mediterraneo. Mercanti e carovane arrivavano dal sud della Penisola Arabica attraverso il deserto di Wadi Rum, una delle zone più incantevoli della Giordania.

Bisogna visitarlo di giorno, ma si deve aspettare il tramonto, e magari fermarsi anche per la sera: quando il sole sparisce dietro le formazioni di roccia rossa, il cielo si tinge del bianco della volta stellata. Ma Petra non deve oscurare la bellezza delle altre regioni giordane. Dalle Riserve Naturali (quella di Dana è stata la prima, ed è un universo di flora e di fauna straordinarie) ai siti archeologici (Jerash, per esempio: bisogna visitarla al pomeriggio per poterla apprezzare), di mosaici, di angoli paesaggistici eccezionali tra cui il Mar Morto, la grande depressione colmatasi di acqua salata dalle proprietà benefiche. Al tramonto si scorgono in lontananza le luci di Gerusalemme, aggrappata attorno alla sua cupola dorata e sfaccettata come i suoi mille volti.

Dal 29 settembre all’8 ottobre 2012 organizzo e accompagno un viaggio proprio in quest’area: ecco il programma

1)    arrivo ad Amman e trasferimento sul Mar Morto

2)    mattinata dedicata a relax e benessere nelle acque del Mar Morto; pomeriggio a Madaba e al Monte Nebo. Pernottamento sul Mar Morto

3)    visita del castello di Kerak e proseguimento per il deserto di Wadi Rum, per la visita e per la cena sotto le stelle. Pernottamento ad Aqaba, sul Mar Rosso

4)    breve giro di Aqaba e partenza per la Riserva Naturale di Dana, con piccolo trekking e pranzo biologico. Proseguimento per Shobak e arrivo a Petra.

5)    Intera giornata dedicata alla visita di Petra

6)    Sosta a Beida, conosciuta come la “piccola Petra” e poi continuazione verso i castelli del deserto. Arrivo in serata ad Amman

7)    Dalla capitale si parte verso la Valle del Giordano, con tappa nell’antico sito archeologico di Pella. Visita di Jerash nel pomeriggio, quando il sole la rende più bella. Rientro per la notte ad Amman

8)    Partenza in direzione del ponte di Allenby e da qui per Gerusalemme. La visita comincia con il Monte degli Ulivi, l’orto di Getsemani e la chiesa delle Nazioni. Pernottamento a Gerusalemme

9)    Giornata dedicata alla visita della Città Vecchia di Gerusalemme. In serata: spettacolo di suoni e luci nella Cittadella di David.

10) Visita di Betlemme e proseguimento nel pomeriggio per l’aeroporto di Tel Aviv. Rientro in Italia

Per informazioni, costi e prenotazioni (entro il 27 luglio):

Medtravel, tel. 010 5455361, [email protected]

 

 

Buon viaggio!

Carla

Precedente Arriva il momento di partire, facciamo sentire anche la nostra voce Successivo Light up - Lip gloss

3 thoughts on “Giordania e Gerusalemme

    • carla diamanti il said:

      ciao Sonia, ti rispondo con un po’ di ritardo perché ero in viaggio per lavoro…come una PT deve fare per essere sempre aggiornata.
      per quanto riguarda i costi del viaggio, dipende dalla città da cui parti. Se mi dai una tua mail posso mandarti il programma e i riferimenti delle persone da contattare. In ogni caso trovi i dettagli su http://www.medtravel.it. Sarò io ad accompagnare il tour, che ho progettato personalmente, anche se della parte operativa si occupa Vanda, della Medtravel.
      Fammi sapere!
      Carla

    • sonia il said:

      ciao e grazie
      ecco la mia mail [email protected]
      il viaggio mi piace, ma temo che le mie risorse economiche non mi permettano di partire
      però vediamo, non si sa mai.

Lascia un commento

*