Vi presento le Pink Lady

Vi presento le Pink Lady

Quando la natura esalta e dà soddisfazioni.

 di Lucrezia Argentiero

È da un po’ che lo dico: “da grande voglio fare la contadina!”

Ho quasi cinquant’anni e dovrò pure decidermi prima che sia troppo tardi!

Ed è forse per il mio innato amore per la natura, che ho accettato di intraprendere questa nuova avventura che ha portato noi di Amichesiparte verso un viaggio sensoriale, a stretto contatto con la terra e i suoi frutti.

Per fare cosa vi starete chiedendo? Per farci inebriare dalla “regina” delle mele, la Pink Lady.

Pink Lady
Pink Lady
Angelo e le sue Pink Lady
Angelo Romito e le sue Pink Lady
Pink Lady
Pink Lady

Siamo state a Verona, la città dell’amore per eccellenza. E qui, grazie ad Angelo Romito, produttore di Pink Lady, abbiamo carpito tutti i segreti e la magia di questa mela davvero unica.

Angelo ci ha portato nel suo frutteto, una gioia per i nostri occhi. Il contrasto del verde con il rosa ci ha lasciate senza fiato. Uno spettacolo della natura. Un cielo verde contornato di “stelle” rosa.

Migliaia e migliaia di mele dal colore inconfondibile, già pronte ad essere riposte nei cesti per la raccolta. E la tentazione è stata davvero tanta. Come moderne Biancaneve, alcune ragazze del gruppo hanno iniziato a riempire di “rosa” i cestini di vimini. E anche io, riposta la macchina fotografica, ho prima scelto la più bella del reame e poi, crac, con un solo gesto, deciso e sicuro, l’ho fatta mia. E altrettanta è stata la tentazione di assaggiarla! Perfetta nella sua forma, rosa da fare invidia alla pantera della famosa serie di cartoni animati, croccante, gustosa e dall’aroma inebriante!

Amichesiparte pronte a raccogliere le Pink Lady
Amichesiparte pronte a raccogliere le Pink Lady
Frutteto di Pink Lady
Frutteto di Pink Lady

Ma sapete dove è nata la Pink Lady? In Australia nel 1973, grazie all’agronomo John Cripps che ha incrociato una Golden Delicious con una Lady Williams.

E i paesi dove viene coltivata? Francia, Italia e Spagna, solo qui trova le migliori condizioni climatiche che la rendono così speciale.

Ed è proprio il suo colore, il Pink, che insieme al suo bollino a forma di cuore che la rendono riconoscibile al primo sguardo.

Cesto di Pink Lady
Cesto di Pink Lady

Abbandonati i campi e le mele, siamo tornate in città per andare alla scoperta del centro storico di Verona. La città dichiarata Patrimonio Unesco è la patria di Romeo e Giulietta, i protagonisti della celebre tragedia di William Shakespeare. E partendo dal chiostro di Giulietta, ci siamo “immersi” nella loro storia immortale, visitando Casa Capuleti, disposta su vari piani, che offre una verosimile ricostruzione delle tipiche dimore signorili del 1500, con raffinati affreschi, cassapanche intarsiate, camini in mattoni e scale in legno. Da qui ci siamo affacciate al celebre balcone dove Giulietta giurò fedeltà all’amato. E poco più avanti abbiamo sostato davanti alla casa di Romeo.

Chiostro di Giulietta a Verona
Chiostro di Giulietta a Verona
Il Balcone di Giulietta a Verona
Il Balcone di Giulietta a Verona
Interno casa di Giulietta a Verona
Interno casa di Giulietta a Verona

Continuando a passeggiare, ci siamo sentite trasportate duemila anni indietro nel tempo. Prima ammirando l’Arena, simbolo di Verona e terzo anfiteatro più grande d’Italia (dopo il Colosseo e quello di Capua).

Verona
Verona
Passeggiando a Verona
Passeggiando a Verona
Arena di Verona
Arena di Verona

La nostra scoperta è terminata in Piazza delle Erbe che per diversi secoli è stata il centro della vita politica ed economica della città.

Piazza delle Erbe a Verona
Piazza delle Erbe a Verona

Ma la vera sorpresa del viaggio ci attendeva al ristorante Antica Torretta. Qui, tutte noi, insieme al vulcanico chef Olimpio Brunelli, abbiamo creato “Amore”, il nuovo dolce di San Valentino 2015, a base di Pink Lady. E vi posso garantire che è una vera delizia per gli occhi e per il palato.

Olimpio Brunelli chef Ristorante Antica Torretta
Olimpio Brunelli chef Ristorante Antica Torretta
Dessert "Amore"
Dessert “Amore”

Insomma, una città e una tradizione da scoprire. Magari a febbraio prossimo, quando 10 celebri chef UIR (Unione Italiana Ristoratori), insieme a 10 selezionati produttori di Pink Lady, porteranno in tavola il progetto “Due cuori e un solo Amore”, un menu tematico a base di mele, creato appositamente da ciascun chef, nel rispetto delle tipicità alimentari della propria regione.

Solo il dolce “Amore” sarà sempre lo stesso.

E ora guardate il video che abbiamo realizzato.

Precedente Amichesiparte a Bologna "sott'acqua" Successivo Londra, la tua evasione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.