Racconto erotico: in viaggio verso la Costiera Amalfitana

Racconto erotico

Rosa Piccante in viaggio verso la Costiera Amalfitana.

Avevo conosciuto Alberto una settimana fa, in palestra. Un ragazzo dinamico e atletico. Mi aveva colpito fin da subito il suo sguardo, aperto e solare, direi magnetico! Ero alle prese sulla pedana, sudaticcia e un po’ affaticata. E alla fine della mia sessione quotidiana, un paio d’ore da dedicare alla mia forma fisica, alla “prova costume” mancava ormai poco, la primavera era alle porte e non volevo certo farmi trovare impreparata con qualche rotolino di troppo. D’altronde anche gli anni passavano, ma non potevo certo lamentarmi della mia linea, insomma come si dice, ero ancora una ragazza piacevole. Mi guardò dritto negli occhi e mi disse: “Ciao, stai andando forte, complimenti”, siccome non l’avevo mai visto prima rimasi stupita e per risposta dissi: “per oggi ho finito”. “peccato, potevamo percorrere qualche chilometro insieme”…era un invito?  Mi salutò con un gran sorriso e si presentò: “Alberto, spero di vederti di nuovo”, wow… diretto il ragazzo. Andai a far la doccia con quel sorriso impresso nella mente. Mi era simpatico. L’acqua mi scivolava sulla pelle nuda e mi accorsi di pensarlo mentre m’insaponavo, un brivido mi percorse la schiena. Non era del tutto normale la cosa, in fondo l’avevo conosciuto qualche minuto prima. Eppure, sentivo che c’era qualcosa di anomalo. Tornai il giorno dopo e quello successivo, ma non lo vidi. Avevo voglia di vederlo e scambiare due chiacchiere con lui. Con una scusa banale, chiesi informazioni in segreteria se sapevano gli orari in cui Alberto frequentava la palestra. La ragazza, guardandomi con occhi sospetti, mi disse che non aveva giorni precisi, ma non poteva lasciarmi il numero di cellulare per via della privacy, stronza… pensai, neanche l’avevo chiesto. Però aveva stroncato sul nascere la mia richiesta.

racconto erotico: in viaggio sulla costiera amalfitana
racconto erotico: in viaggio sulla costiera amalfitana

Stavo uscendo con la mia borsa a tracolla quando mi sentii salutare: “Ciao, già terminata la seduta?”. Mi girai e vidi Alberto che chiudeva la serratura del suo vecchio Maggiolone cabrio, color bianco avorio. “Ciao, sì per oggi mi sono stancata abbastanza”, ma cavolo “non potevi venire prima, pensai”.

Mi parlò del suo lavoro di grafico pubblicitario che gli impediva di avere regolari frequenze in palestra, così quando era libero e trovava il tempo, riusciva ad allenarsi. Pensai non ne avesse nemmeno bisogno, visto il fisico che si ritrovava. Passarono cinque minuti e mi mostrai ansiosa di andare, mi chiese al volo il numero del cellulare, “se vuoi possiamo prendere un caffè quando hai tempo”, ottima idea. Dopo averlo scritto, mi fece uno squillo, così puoi memorizzare il mio numero, mi disse. Ok, ciao alla prossima. Salii in macchina e partii, sentendo il suo sguardo su di me. Dopo aver svoltato iniziai a tempestare di pugni il volante e a parlare da sola: “Sei stata proprio una stronza, prima lo cerchi e poi te ne vuoi andare prima del tempo”, era stata una reazione alla voglia di stare con lui. Passarono due ore e il cellulare squillò: “Che ne dici se stasera ci vediamo per un aperitivo?” Così su due piedi? Dammi il tempo di pensarci. “Sì, ok va bene, dovrei essere libera, a che ora?” Facciamo alle 19 nel bar vicino al teatro, sai dov’è? Certo che so dove si trova, e poi se non lo sapessi, mi darei da fare per trovarlo. Ero eccitata al solo pensiero di vederlo. Cosa mi metto, pensai. Meglio i jeans con una camicetta scollata o quel vestito un po’ attillato che disegna perfettamente le mie forme. Cercai nell’armadio, aggiudicati jeans e camicetta. Per il vestito ci sarebbe stata un’altra occasione, almeno in cuor mio speravo. Come solito, curavo molto il mio intimo, per un mio piacere personale, misi un reggiseno che valorizzava il mio seno e scelsi la culottes bianca di pizzo che mi donava molto. Arrivai con cinque minuti di ritardo, Alberto era in piedi vicino al banco e stava parlando col barista. Quando mi vide mi venne incontro e mi salutò baciandomi sulle guance.

Ci sedemmo in un divanetto, uno a fianco all’altro, ordinammo al cameriere un paio di drink analcolici e quando li portò, sorpresa, erano accompagnati da una rosa rossa. Diavolo di un ragazzo, era partito in quarta a quanto pare. Ora capivo il confabulare di prima col barista. Il discorso scivolò sulla musica, sui nostri gusti preferiti, ci trovavamo d’accordo su questo, il rock e la musica d’autore, quella dei cantautori per intenderci, erano quelli che prediligevamo entrambi. Nei film invece, avevamo gusti opposti, a me piacevano i film gialli e d’azione, a lui invece i documentari sulla natura. Diceva che aveva fatto il giro del mondo, virtuale, un sacco di volte. Stando seduta accanto potevo sentire il suo buon profumo del dopobarba.

Lui quando voleva enfatizzare qualcosa mi appoggiava una mano sulla coscia, quel gesto mi procurava un leggero brivido sulla schiena. Mi affascinava il suo modo di parlare, di come gesticolava, ma erano le sue labbra ad attirare la mia attenzione, erano carnose e aveva il vezzo di passare la lingua sul labbro superiore per inumidirlo. Non so quanto voluto quel gesto, ma era davvero sensuale. Stavo bene al suo fianco, ero rilassata e mi sentivo, come dire, protetta. Avvertivo in lui qualcosa di solido, non solo nel fisico. Ordinammo altri due drink, questa volta alcolici, e un’altra serie di stuzzichini, peraltro squisiti. Ridevamo felici e c’era sintonia, fin dal primo istante. Il discorso scivolò nel privato e nel lavoro. Eravamo single entrambi, con storie importanti lasciate alle spalle da poco, la mia durata cinque anni, la sua tre. Dopo un provvidenziale periodo di convivenza avevo capito che non era il caso di continuare a litigare per futili motivi, immaginando che col matrimonio tutto si sarebbe aggravato. La sua relazione finì con la più classica delle storie, la sua ragazza si accompagnò al suo miglior amico, che non era il cane, ma si chiamava Roberto. Per lavoro viaggiava tanto, in Italia e saltuariamente all’estero. La settimana prossima sarebbe andato nella costiera amalfitana. Mi invitò ad andare con lui: “di solito lavoro fino al primo pomeriggio e poi potremo stare insieme tutta la serata e visitare i borghi favolosi che si affacciano sul mare, mi disse. Fui colta alla sprovvista, non accettai subito.

Ci conoscevamo da pochissimo e mi sembrava tutto così frenetico, mi presi una giornata per decidere. Certo mi sarebbe piaciuto trascorrere con lui quei tre giorni di lavoro. Non sarebbe stato un problema passare il tempo mentre lui era al lavoro. Si era fatto tardi e decidemmo di uscire dal bar e salutarci. Mi accompagnò alla macchina e mi baciò sulle guance, poi mi “trafisse” con i suoi occhi neri e mi prese il viso tra le mani, avvicinò le sue labbra alle mie e le sfiorò delicatamente…poi le appoggiò con più forza, e mi baciò, lo lasciai fare, anzi ricambiai il suo bacio, con passione.

Le nostre lingue si unirono in un balletto forsennato, sembrava si stessero cercando da sempre. La sua mano s’infilò sotto la camicetta a cercare i miei seni, lo fermai. Dammi almeno il tem

racconto erotico: in viaggio sulla costiera amalfitana
racconto erotico: in viaggio sulla costiera amalfitana

po di conoscerti. Fissammo un appuntamento telefonico per l’indomani. Arrivata a casa ero un subbuglio di emozioni, l’alcol, il bacio, la sua conoscenza così impetuosa e rapida mi aveva lasciata stordita. Stordita, ma anche vogliosa, la mia farfallina aveva delle contrazioni nervose che conoscevo bene e sapevo a cosa portavano. Mi spogliai lentamente davanti allo specchio, guardai le mie forme quasi perfette, mimando uno spogliarello, una volta rimasta nuda mi accarezzai, distesa sul letto, inumidii un dito con la saliva e lo passai sopra al clitoride, delicatamente, con l’altra mano mi toccavo i capezzoli, li stringevo fino a procurarmi un leggero dolore, ero talmente eccitata che in breve raggiunsi l’orgasmo, pensando ad Alberto. Quando mi svegliai avevo un messaggio nel cellulare: “Grazie della bella serata e buona notte, a domani, Alberto”. Carino da parte sua, risposi augurandogli una buona giornata.

Nel pomeriggio mi chiamò per sapere che decisione avevo preso. Più di un paio di giorni non mi potevo assentare dal lavoro, eravamo in forza minima per via delle influenze, rispose che andava benissimo. A quel punto non potevo più tirarmi indietro, ma era tanta la curiosità che sarei partita anche subito. La costiera amalfitana è da sempre terra di amori e passioni, desiderata da artisti e viaggiatori. Alcuni chilometri in una cornice affascinante. Un viaggio breve ma intenso. E’ la strada costiera per eccellenza, decantata da poeti, scrittori e pittori di tutto il mondo. Qui un nugolo di artisti di ogni epoca si è innamorato dei suoi luoghi e delle sue visioni paradisiache rimanendone ammaliato, tant’è che l’appellativo di “Costa delle Sirene” le calza a pennello. Prendemmo alloggio ad Amalfi, la “capitale” incontrastata della costiera. Mito, arte, storia e tradizione si fondono nelle scalinate, nei vicoli e cunicoli che formano la “casbah” di Amalfi, ma anche nell’architettura di monumenti attraenti, tipo il Duomo, il Chiostro del Paradiso e quel campanile slanciato, esempio dell’incontro artistico tra mondo bizantino e arabo. L’albergo aveva la camera con una splendida vista sul mare. Alberto mi abbracciò e appoggiò le sue labbra sulle mie, ci baciammo delicatamente. Mancava più di un’ora alla cena e pensammo di conoscerci meglio. Facemmo una doccia insieme, giocando con l’acqua, ce la spruzzavamo in faccia e ci passavamo il sapone uno sull’altro. Ben presto i nostri sensi erano elettrizzati, in me aumentava la voglia di baciarlo anche in altre parti del corpo. Uscimmo con gli asciugamani allacciati alla vita. I miei seni erano sodi e i capezzoli duri ed eccitati. Lo feci stendere sul letto e slacciai l’asciugamano, il suo cazzo era eretto e già pronto, lo baciai con la lingua, lo scappellai e lo succhiai con delicatezza. Lui ansimava sul letto e mi teneva i capelli, prendendomi le ciocche e avvicinando la mia bocca al suo uccello. Saltai sul letto con l’intenzione di cavalcarlo, ma lui mi fece salire più in alto, fino all’altezza della sua bocca. Mi succhiò il clitoride in una maniera favolosa, mi leccava le cosce e poi prendeva le labbra della mia figa in bocca, succhiandole lentamente. Era molto lento in quel gesto, le trattava con garbo e attenzione, avendo cura di procurarmi solo piacere. E che piacere. Siiii così, fammi venire…in breve ebbi un orgasmo e bagnai il suo viso. Lui continuò piano a baciarmi, io scivolai giù e me lo misi dentro, mordendogli i capezzoli. Eravamo immobili. Ci baciammo in bocca, lentamente le nostre natiche cercarono di avvicinarsi sempre più. Il movimento si fece più intenso, sempre più spasmodico, lo penetravo con forza e lo sentivo sferzare la mia figa bagnata. Mi prese le mani e mi tiro su, ero a sedere sul suo uccello e lo sentivo meravigliosamente dentro di me, lasciò la presa di una mano e andò ad accarezzarmi il clitoride…era magnifico, sentivo che stavo per raggiungere un nuovo orgasmo…buttai la testa all’indietro e lo bagnai di nuovo…mentre stava per godere anche lui mi sollevai e lo presi in bocca, sentendo il suo sperma scorrere nella mia gola. Mi fece accoccolare sul suo petto, accarezzandomi dolcemente. Era un amante attento e premuroso. Uscimmo per la cena, trovammo un ristorantino nel centro storico che faceva al caso nostro, aveva una piccola terrazza con pochi tavoli. Ci sedemmo in fondo. Mangiammo con appetito, e all’ultimo gustammo una prelibatezza della casa, i profiterole al limoncello. Una libidine unica. Alberto me li passava con le mani ed io succhiavo la crema e lo addentavo, il resto lo mangiava lui. Era tutto così coinvolgente, intrigante nella nostra complicità. Avevo messo un vestito leggero e le calze autoreggenti, Alberto ebbe cura di mettersi in una posizione in cui vedeva l’intera terrazza, io ero al suo fianco, mi chiese di aprire leggermente le gambe, le mie mutandine bianche spiccavano al lume della candela, le scostavo e mi accarezzavo, lo sfiorai con la mano e lo sentii nuovamente eccitato. Se fossimo stati soli….

Desideravamo in fretta fare ritorno all’albergo. Arrivò il cameriere che ci consigliò di visitare l’indomani il paese di Ravello, noto per la sua bellezza panoramica e per aver fatto trovare a Wagner la scena del Giardino di Klingsor per il suo “Parsifal”. Noi il nostro “giardino” l’avevamo trovato.

Ci proponemmo di visitarlo il giorno seguente…ma prima ci sarebbe stata una notte frizzante…

 

LEGGI GLI ALTRI RACCONTI EROTICI

 

Precedente Frasi di viaggio Successivo Sogno nel cassetto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.