Valentina Parisse, a 18 anni sono partita per il Canada

di Isa Grassano

Sebbene ambisca a comporre di più e per le donne, Valentina Parisse, ha già incontrato nella sua strada alcuni mostri sacri, come Renato Zero (sua la musica di “Rivoluzione”, insieme a Phil Palmer). «Sono felicissima per queste collaborazioni e mi piacerebbe poter fare qualcosa con Carmen Consoli». La cantautrice romana, 33 anni, sarà in giro per tutta l’estate nelle piazze italiane, portando in giro il suo nuovo singolo “Dannata lotta”. Un inno pop alla resilienza e alla capacità di affrontare ogni giorno con determinazione, perché come lei dice: “quello che non ti uccide ti rafforza”. «Quando scrivo una canzone è inevitabile che parli di me, altrimenti non riuscirei a cantarla. E in questa ci sono anche le mie delusioni, piccoli o grandi».

Valentina Parisse, a 18 anni sono partita per il Canada

Le immagini del video che accompagnano il brano sono una metafora per combattere il passato. Distruggere per trasformare. «Gli oggetti che si vedono demoliti rappresentano le paure e le insicurezze. Sono una rivoluzionaria, se qualcosa non mi piace, cerco di cambiarla, di migliorarla. Vale soprattutto per le donne che non si dovrebbero mai accontentare», spiega.

 

Tra gli altri progetti, Valentina sta lavorando al suo disco. «Ho un sacco di canzoni pronte, ci abbiamo lavorato tanto e non vedo l’ora che esca. Sogno di salire un giorno sul palco dell’Ariston. La mia passione per la musica nasce in famiglia, anche se nessuno è musicista. Mio padre, ex ferroviere, colleziona da sempre centinaia di vinili a livello quasi ossessivo. Quando ero bambina, Sanremo era un evento. Molti di quei festival me li ricordo per le compilation che uscivano qualche giorno dopo».

Non solo musica. La cantautrice, grattando la patina di un aspetto glamour e contemporaneo, è capace di far emergere la sua anima più sensibile e riservata. «Mi piace stare con le amiche, ma spesso sto anche da sola, o in compagnia del mio super bassotto, Otto. Finita la scuola, ho fatto lo zaino e sono partita per il Canada, a 18 anni. Da allora non ho mai smesso di viaggiare. Ogni viaggio ti arricchisce».

 

 

 

Precedente Viaggiare da fermi con i libri Successivo FERRAGOSTO, UN TUFFO NELLE CITTA’ D'ARTE

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.