BookCity Milano, quattro giorni tra libri e emozioni

di Isa Grassano

«Sono grata che esistono i libri. Sono migliori del Paradiso perché il Paradiso è inevitabile, mentre i libri potrebbero scomparire». Così era solita dire Emily Dickinson che amava tanto leggere e di certo se fosse vissuta in questo tempo avrebbe apprezzato Bookcity Milano, la manifestazione dedicata al libro e alla lettura, un grande festival dei festival.

BookCity Milano, quattro giorni tra libri e emozioni

Dal 16 al 19 novembre il capoluogo lombardo sarà invaso da scrittori, autori, libri, letture ed emozioni. Oltre 200 gli spazi della città metropolitana (musei, teatri, scuole, università, biblioteche, palazzi storici, librerie, associazioni, negozi, spazi pubblici) in cui si svolgeranno gli incontri. Il centro resta il Castello Sforzesco, al quale si affiancheranno decine di poli tematici nei quali ciascuna di voi potrà ritrovare le proprie passioni e soddisfare le proprie curiosità. Certo bisognerebbe avere il dono dell’ubiquità per non perdere nessun evento, tutti ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti (salvo dove diversamente indicato).

bookcity milano

S’inizia venerdì 17 novembre, alle ore 20.30, al Teatro Dal Verme con Marc Augé intervistato da Daria Bignardi, “Sulla felicità. Nonostante tutto”, alla ricerca di quei momenti di felicità che rappresentano una forma di resistenza all’inquietudine e all’incertezza che pervade il nostro mondo.
Per la prima volta, ci sarà una sezione dal titolo “Pari Opportunità. Come cambia la vita delle donne”.

Da non perdere BookCity nelle case: letture negli spazi più intimi dei cittadini milanesi. Un modo per vivere le case degli altri in maniera divertente, poetica e letteraria. Del resto un libro è l’occasione per incontrarsi, ma anche per sentirsi un po’ a casa.

I grandi temi vengono raccontati nei poli. Ma il programma consente moltissimi altri percorsi creativi, identificati con hashtag come #vogliofareloscrittore, #pariopportunità, , #rosa, #librospettacolo, #cantautori, #hannofattograndeMilano, #transmedialità.

Difficile scegliere in un ricco cartellone. Noi di Amichesiparte seguiremo, tra gli altri, questi incontri e ci sentiamo di suggerirli anche a voi.

Da non perdere la storia di una donna della nostra generazione che ama il suo lavoro di giornalista e che a quarantadue anni ha una relazione stabile, un marito, e si sente pronta per avere un figlio. Ma la vita non va sempre secondo i nostri piani. Michaela Karina Bellisario, scrittrice, giornalista e fondatrice del blog Glam 40, racconterà la sua esperienza di vita e di rinascita con il romanzo “Parlami di Lei” (Cairo editore). Quando? Sabato 18 novembre, ore 18.30. Dove? All’Istituto dei Ciechi (sala Barozzi, via Vivaio, 7).

 

BookCity Milano, quattro giorni tra libri e emozioni

La frizzante Federica Bosco presenterà il suo “Ci vediamo un giorno di questi” (Garzanti), un libro bellissimo e commovente sull’amicizia intensa tra Ludovica e Caterina. Domenica 19 Novembre alle 11 al Cafè Rouge del Teatro Franco Parenti con Alessandra Appiano. Un duo imperdibile di brave scrittrici.

BookCity Milano, quattro giorni tra libri e emozioni

Ritroveremo Alessandra Appiano, sempre domenica 19, al Castello Sforzesco, sala della Balla (ore 16.30) per l’attualità “al femminile” sul tema “il lato oscuro dell’amore“.

 

Alle 13 tappa al Siam, via Santa Marta 18 per un interessante appuntamento: “scrivere fa bene, il potere della scrittura autobiografica“. Ad intervenire la giornalista Assunta Corbo, autrice di “Dire, Fare, Ringraziare” (Do it Human Editori).

 

«i libri sono migliori del Paradiso»

Altro appuntamento imperdibile è domenica 19 novembre (ore 20) per “Panorama Milano”, al Piccolo Teatro Milano Grassi – chiostro Nina Vinchi. Anna di Cagno vi svelerà una Milano poco conosciuta con “Milano al Femminile” (Morellini Editore). Nella sua guida c’è una panoramica sugli eventi più importanti, sulle regole sociali, sui locali, su come muoversi. Una Milano da vivere da sola o con le amiche.

Con lei Gianluca Veltri, Gabriella Kuruvilla, Gianluca Veltri, Gioacchino Parolari, Mauro Morellini. Ospite d’eccezione, Eugenio Finardi.

 

Fuori dal canale in rosa ci sentiamo di consigliarvi Michele D’Amore, scrittore di origine sarda e milanese d’adozione. Racconta con una prosa ritmata, e una narrazione in presa diretta, le estati dei volontari antincendio in Sardegna.
Il suo Fronte del Fuoco pubblicato da M, nuovo progetto editoriale indipendente, sarà presentato il 18 novembre alle 19, presso Casa Mia Cocktail Bar (viale Regina Giovanna, 22).

 

La manifestazione si chiuderà domenica 19 novembre, alle ore 21, al Teatro Franco Parenti con un omaggio al grande Umberto Eco. Protagoniste della serata saranno le sue parole, a partire dai saggi raccolti in Sulle spalle dei giganti: un fuoco d’artificio del suo pensiero, del suo irresistibile raccontare la storia delle idee, la grande narrativa e il cinema, della disincantata, ironica visione del tempo in cui viviamo.

BookCity Milano, quattro giorni tra libri e emozioni

Allora scarpe comode, mappa della città, programma e via per scoprire quanti più libri possibili. Perché aveva ragione la poetessa americana, «i libri sono migliori del Paradiso».

 

www.bookcitymilano.it

Precedente Moldavia a sorpresa Successivo Il mondo colorato di Toulouse-Lautrec è un inno alle donne

Lascia un commento

*