BookIn Cagliari, “il posto più letto”. La nuova rassegna letteraria tra viaggi e libri

BookIn Cagliari, “il posto più letto”. La nuova rassegna letteraria tra viaggi e libri

di Isabella Calbi

Una ripartenza nel nome della cultura e del turismo per una città “che si alza ripida, ripida, dorata, accatastata nuda verso il cielo dalla pianura all’inizio della profonda baia senza forme… strana e piuttosto sorprendente, per nulla somigliante all’Italia” secondo David Herbert Lawrence, tra i più attenti cronisti del ‘900. Questa città è Cagliari.

BOOKIN CAGLIARI TRA VIAGGI E LIBRI

Ebbene, il capoluogo della Sardegna si prepara ad accogliere da venerdì 26 a domenica 28 novembre libri, autori, lettori e turisti che daranno vita a BookIn Cagliari, una nuova rassegna letteraria per chi ama leggere, per chi ha voglia di ritrovare volti noti della televisione e del cinema italiano, per chi vuole incontrare i propri scrittori e le scrittrici preferiti. L’originale titolo gioca su una coincidenza verbale. Book, in inglese significa sia “libro”, sia “prenotare” e “to book” è uno dei verbi più utilizzati nella terminologia turistica. Basti pensare che “booking” è uno dei portali più popolari per prenotare alberghi, viaggi e servizi legati al turismo (l’idea del format e il claim è di Paolo Mancini, giornalista e autore).

DIREZIONE ARTISTICA E ORGANIZZAZIONE

Alla direzione artistica, Isa Grassano, giornalista e scrittrice (autrice del romanzo “Un giorno sì un altro no”; Giraldi), mentre l’organizzazione e il coordinamento è di Ilda Events, in collaborazione con il Comune di Cagliari, Assessorato al Turismo.

IL TEMA DEL VIAGGIO

Il viaggio è il tema conduttore di questa prima edizione: quello sui luoghi e le ambientazioni che emergono dalle pagine (si spazia dall’isola di Alicudi a Venezia, da Bari a Bellaria, dal castello di Pubol a Milano), quello con la fantasia e i pensieri, quello che porta con sé storie (che si muovono in territori inesplorati o racconti autobiografici catturati con occhi nuovi), quello che si vive con le persone, e infine il viaggio dentro se stessi, il viaggio più bello.

GLI INCONTRI

Numerosi gli incontri (ad accesso libero fino ad esaurimento posti) con un cartellone che si snoda tra Mem Mediateca del Mediterraneo, Teatro Doglio, Villa Fanny, Il Lido (al Poetto). Ci sono i giornalisti, le star del mondo letterario, gli autori seguitissimi sui social, i personaggi famosi, gli autori pop.

LA COMMISSARIA LOLITA

C’è Gabriella Genisi l’autrice della fortunata serie televisiva, Lolita Lobosco (interpretata da Luisa Ranieri e ambientata a Bari) tratta dai libri Sonzogno, l’ultimo in ordine di tempo è “I Quattro Cantoni”. C’è Serena Grandi icona sexy del cinema italiano anni 80 e ancora protagonista di molte pellicole di successo, che presenta in anteprima il suo libro in uscita a dicembre, “Serena a tutti i costi. Lettere di una vita mai inviate” (Giraldi).

PREMIO STREGA

Spazio anche a Elena Mearini, candidata allo scorso premio Strega con una presentazione di Lia Levi per il suo “I Passi di mia madre” (Morellini) e ad Anna di Cagno, giornalista e scrittrice che racconterà la sua “Gala Eluard Dalì” (sempre Morellini).

COMMUNITY SOCIAL

Non mancano nomi di spicco tra le community social, come Gianluca Bota, seguitissimo su Instagram, che in una città portuale porta i suoi libri “La barca dipinta di blu” e il nuovo appena pubblicato “Un mare di favole” (entrambi Giraldi), in cui si affronta, sempre con ironia e frasi riflessive, il tema della dislessia, della diversità, ma soprattutto l’amore per il mare, i sogni, la voglia di non arrendersi.

L’ORIGINE SARDA

Tra gli scrittori di origine sarda ma dal richiamo nazionale si segnalano Cristina Caboni con il romanzo “La ragazza dei colori” da poco pubblicato per Garzanti e subito in classifica.

STAR DELLA TV

Sul palco del Teatro Doglio salirà una star della tv, Lory Del Santo, che racconterà gli inizi della sua carriera, i successi ma anche i dolori della sua vita attraverso il racconto della sua biografia “La felicità come optional” (Giraldi).

I NOMI ATTESI

Tra gli altri molto attesi, Diego Galdino noto per il Primo Caffè del Mattino, che presenterà “Principessa Saranghae” (Bertoni) e Catena Fiorello con il suo “Amuri” (Giunti), ambientato ad Alicudi, splendida isola delle Eolie.

I BLOGGER

Non mancheranno giornalisti e blogger, tra cui Margaret Dallospedale con i suoi 223 mila follower, per vivere la città e il festival e raccontarlo attraverso i propri canali stampa e social.

CAGLIARI DA SCOPRIRE

Perché “BookIn Cagliari” è anche un’occasione per andare alla scoperta dell’anima culturale di una città le cui librerie – tra queste la Libreria Cocco – e location private ospitano tutto l’anno presentazioni e appuntamenti con gli autori. Di recente è stato inaugurato il servizio “Cagliari Airport Library” nell’area partenze dell’aeroporto. Consente, in forma gratuita, la consultazione dei volumi in italiano e lingue straniere nelle aree di lettura, il prestito e il book sharing.

 

Per coglierne la vera essenza di questa città, chiamata “la bianca”, basta allontanarsi di pochi metri dal circuito turistico tradizionale, alla scoperta di luoghi e prospettive meno scontate, seguendo l’invito incoraggiante delle persone: “Ajò”, andiamo.

I QUARTIERI

Da vedere il quartiere di Villanova, un vero paese all’interno della città, uno dei quattro storici. In tempi lontani era tutta campagna e vigneti e considerato la prima periferia al di fuori delle mura, dove abitavano i contadini e gli artigiani. Oggi è un quartiere vivo e pieno di energia, con il suo affascinante reticolo di vie che si incrociano, le piante e i fiori che abbelliscono gli angoli delle strade. Colpiscono le case basse dalle tonalità pastello.

Ancora il quartiere Castello, punteggiato dalle torri medievali pisane di San Pancrazio e dell’Elefante, che dominare dall’alto la città. Strette viuzze e slarghi portano alla Cattedrale, ricostruita più volte, ispirata a canoni romanici e rivestita di calcare delle cave di Bonaria (uno dei sette colli cittadini). Di fianco si apre il Palazzo di Città, sorto nel periodo medievale, nel 1331, quando gli Aragonesi dimoravano in città.

Il lungomare Su Siccu, invece, è uno straordinario osservatorio per contemplare lo spettacolo del tramonto.

INFO

BookIn Cagliari, https://www.ildaevents.it/bookincagliari

Precedente La sana follia del trekking urbano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.